domenica 5 giugno 2016

Cattolici per Bergoglio sono violenti !

Cattolici per Bergoglio sono violenti !



Ho innestato nel discorso in blu i miei commenti alle varie parti...


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

Cattolici online? violenti assassini!

Parola del portavoce vaticano T. Rosica!





rosica I cattivi cattolici che seminano odio e violenza su internet sono dei veri e propri “assassini”, promotori di una “cultura della morte”, che stanno trasformano la rete in un “cimitero di cadaveri”. Ad affermarlo non è un attivista anticattolico che ha in odio la Chiesa, ma un prete, anzi di un monsignore; ancora di più, uno dei portavoce ufficiali della Sala Stampa del Vaticano addetto alle comunicazioni in lingua inglese, il reverendo brasiliano-canadese mons. Thomas Rosica(foto).


E’ certo, i cattivi cattolici che seminano odio, quando in realtà coloro che fingono di dispensare parole buone e gentili sono i primi a odiare Cristo. Perché da quello che qui ho letto, ma oramai anche in molta parte della rete e sopratutto dallo stesso Bergoglio si comprende che vi è un profondo disagio quando si parla di Cristo, tanto profondo da non inginocchiarsi mai innanzi al Santissimo, e della Madre sua, l’Immacolata , come se Dio fosse divenuto all'improvviso la pecora nera della situazione, e quindi di conseguenza i cattolici tradizionalisti, sono divenuti i veri violenti assassini di una situazione critica in cui Bergoglio ha portato disastrosamente la chiesa e si erge pure giustiziere dei cattolici, arriverà anche molto più in là di questo, ora siamo alle accuse, ma un giorno non lontano si arriverà a giustiziarli in piazza, attraverso l’uso di un mezzo dimenticato nel tempo, la ghigliottina. Qui si vedrà la fede del vero popolo di Dio, cioè dei Santi.


Ne riporta la notizia un articolo del quotidiano americano Crux che sintetizza un passaggio dell’intervento di mons. Rosica durante la conferenza tenuta a Brooklin (NY) nella Giornata Mondiale delle Comunicazioni Sociali, lo scorso 11 maggio, promossa dall’archidiocesi di Brooklin e dalla DeSales Media Group (organo diocesano per le comunicazioni). Sebbene il discorso sia stato molto più ampio ed articolato e non si sia limitato all’accusa contro i cattolici, si sa che i giornali cercano lo scoop e – in questo caso – l’asprezza delle parole di mons. Rosica merita una riflessione.

Sacerdote, biblista, professore e giornalista, classe 1959, Rosica è stato l’organizzatore della GMG di Toronto nel 2002 ed è l’amministratore delegato della Salt + Light Catholic Media Foundation (primo network televisivo cattolico canadese). Dal 2009 è consultore del Pontificio Consiglio delle Comunicazioni Sociali e nel 2013 è entrato a far parte dello staff della Sala Stampa Vaticana come speaker ufficiale per la lingua inglese. Ha al suo attivo numerose pubblicazioni ed ha ricevuto diversi prestigiosi premi internazionali.

Infatti quello che conta sono i premi ricevuti, le pubblicazioni, non la fede Santa che un prete dovrebbe avere, no quello oggi non conta nulla, e non c’è nulla in queste persone!

Nel suo lungo discorso sulle comunicazioni sociali nella Chiesa, mons. Rosica affermato che “anche se Papa Francesco è riuscito ad aggiornare (rebranding) il profilo pubblico della Chiesa, ciò non emerge quando i cattolici utilizzano i social media“; al contrario, spesso gli utenti cattolici diffondono su internet “una cultura di morte” piuttosto che una “cultura della vita”!

Logico che non emerge, perché i cattolici adombrano le parole piene di eresia, ovvio, sarebbe terrificante se i cattolici tradizionalisti non parlassero più. Ma purtroppo devo dare una brutta comunicazione i cattolici tradizionalisti un giorno non parleranno più...non solo sulla rete, ma anche in pubblico. E’ questo il problema grosso sono queste le vere lagnanze, di Bergoglio perché il frastuono dei tradizionalisti è così forte da occultare la sua voce ed è assolutamente indegno che in pontefice sia occultato, per cui è giusto, mettere a tacere tanta massa di pecore, o sbaglio!!! Dato che esso dice sempre IO SONO UMILE non gli altri, io sono Giusto, Io sono perfetto e io decido, sancisco, distruggo, metto a morte, condanno, scomunico. Lo si comprende bene dalle sue parole, mescolate proporzionalmente nei suoi discorsi, molto ben studiati, che cerca di celare la sua vera identità, ma allo Spirito Santo non si nasconde nulla e chi ha il dono vedere l’anima, vede più di quel che deve vedere.


Molti dei miei amici non cristiani e non credenti mi hanno fatto notare che i cattolici hanno trasformato Internet in una fogna di odio, di veleno e vetriolo, e il tutto in nome della difesa della fede!”
Certo un cardinale che ha molti amici non cristiani, non credenti, molti, sicuramente molti, più dei non molti tradizionalisti, addirittura una fogna di odio, mi chiedo perché si sentano tanto odiati, ma se io non per primo non faccio nulla per spargere odio, cioè non cambio la legge di Cristo, perché quale motivo questi Tradizionalisti dovrebbero odiare questa nuova espressione della chiesa, che si vuole dare un nuovo Dio? Ma se la chiesa conosciuto a fino a a tre anni fa era totalmente o quasi a favore di Cristo, per quale ragione dovrebbero i cristiani tradizionalisti odiare questa chiesa nuova e rinnovata se tutto è fatta in nome e per volontà di Cristo, oppure devo pensare che in realtà è giustificato questo operare di tradizionalisti che si sentono oltraggiati nella loro fede intima, e sento oltraggiato il loro Dio, non è per caso sia questa sia la vera motivazione di tanto sdegno che i tradizionalisti cristiani provano nel sentirsi profondamente offesi, sia nella loro fede, personale, che nell’offendere Cristo?
Io personalmente mi sento molto offeso, ma quel che è peggio , è che sento lo sdegno viene da Cristo stesso, e sinceramente non trovo mai la soluzione giusta per consolarlo.


Il mons. vaticano non è per nulla tenero con i cattolici che – in nome della fede – starebbero “seminando odio” su internet: “Le diffamazioni su internet da parte di coloro che si definiscono cattolici, hanno trasformato la rete in un cimitero di cadaveri sparsi in giro“.

Spesso questi scrupolosi, nostalgici, che si danno arie di leader e e autoproclamatisi “custodi virtuali della fede o di pratiche liturgiche”, sono persone disturbate, arrabbiate, ossessionate, “che non hanno mai trovato un pulpito nella vita reale e ricorrono così alla rete virtuale” per diventare “papi troller” e “santi carnefici”.

Rispondo a questa battuta che la trovo di una bassezza unica nel suo genere.
Personalmente non mi sento e non voglio neppure immaginare si sostituirmi ad un pontefice, ne tanto meno nell’essere santo o carnefice, non cerco onori, ne meriti, ne tanto meno cerco danari, come il noto Mons Vaticanista Rosica, che per aver scritto molti libri deve aver molto studiato se no altrimenti lo spirito che lo porta non gli avrebbe dato la fama che ha.


Secondo Rosica si tratta di persone malate e lontane da Dio bisognose di guarire e convertirsi. Sentenzia infatti: “In realtà sono profondamente turbati, persone tristi e arrabbiate” e “dobbiamo pregare per loro, per la loro guarigione e conversione!”

Proprio il contrario di quello che sono io, che sono una persona allegra, solare, faccio ridere tutti, anche i preti miei amici, non sono arrabbiato con nessuno, anche se scrivendo potrebbe apparire qualche volta uno stato di nervosismo, ma è normale quando si sentono certe eresie, perché in realtà ho una calma da far spavento a detta di amici psichiatri, non mi arrabbio neppure se sono provocato. Sono contento se pregate per me, sono molto contento, e vi ringrazio, in anticipo!!!

L’articolo di Crux segnala che sia mons. Rosica che il suo network canadese sono stati presi di mira da alcune organizzazioni cristiane “pro-life e conservatrici”. Non è dunque difficile immaginare che il monsignore se la prenda con queste categorie di cristiani, quelli – per così dire – più combattivi e meno disposti a fare concessioni al “mondo” per sembrare più simpatici e al passo coi tempi.


E’ certo al passo coi tempi ecco hanno detto la parola chiave della questione, al passo con i tempi, cioè pretendono da noi poveri cristiani tradizionalisti cattolici, osservanti fin alla nausea dei precetti e delle leggi del Signore Nostro Dio, ed evidentemente non è questo Dio, il Dio di tutti, se non siamo al passo con i tempi, eppure siamo perfettamente sincronizzati con la tecnologia di questi tempi, ma allora cosa intende dire il caro Rosica, che parla di tecnologia di adattamento alle leggi umane, non parla di adattamento alla società moderna, perché in realtà lo siamo perfettamente compenetrati con essa, talmente siamo adattati, No! Parla di altro, sta in sostanza dicendo che non ci piace la chiesa moderna, infatti ha ragione, a noi questa chiesa modernista del CVII non ci piace molto, visto i cambiamenti che essa ha promosso ai danni di Cristo, ma ecco il problema non ci adattiamo alla volontà distorta del tempo presente, ed ecco perché questo furbo astuto mons Rosica fa pressione sui cattolici modernisti a favore di una chiesa aperta allargata alla diversità religiose che loro stessi vorrebbero assumere su se stessi i valori propri che portano cose, per cui il cristiano rigido, tradizionalista è assai odiato, come Francesco I° ha sempre esternato, in questi tre anni, lo ha detto lui che non ama i tradizionalisti, non sono parole mie non permetterei mai!!!. E il mondo ad esso collegato lo manifesta ed infatti il Mons Rosica a nome per contro senza ombra di dubbio di Francesco che lo manda, perché c’è da dire che le esternazioni di coloro che fanno parte della entourage di Francesco sono benedette dallo stesso per cui, ovviamente tutti i cattolici morbidi, non tradizionalisti saranno tenuti a far guerra contro i cattolici tradizionalisti per altro voglio sottolineare una piccola cosa, giusto lo stesso giorno dell’elezione di Bergoglio-Francesco, la Madre di Dio mi diede un messaggio dove diceva chiaramente che questo Vescovo Francesco avrebbe portato la divisone tra i cristiani e ci sarebbero stati cristiani contro cristiani a distanza di tre anni, ecco qua le sue parole sono come oro fuso, vere e sincere, perfettamente manifestate…


E’ a loro che si riferisce quando afferma che “Se giudichiamo la nostra identità basandoci su certi siti e blog ‘cattolici’, saremo considerate persone che sono contro tutti e contro tutto. Dovremmo invece essere conosciuti come persone a favore di qualcosa, qualcosa di positivo che può trasformare la vita ed influenzare la cultura”.

Infatti io sono a favore di Cristo!
In cosa dovrei essere favorevole come Cristiano alle eresie?
Alla distruzione del credo?
All’inserimento nella chiesa della prostituzione maschile?
All’aborto? Alla negazione del sesto comandamento?
Alla distruzione dell’Immacolata concezione?
Allo stravolgimento totale delle parola di Cristo?
Oh capito io, a queste cose i cristiani moderni dovrebbero essere favorevoli, io no, mi dispiace per lei Rosica, può rosicare quanto vuole ma io non cambio idea, neanche morto, Non tradirò mai Dio, ne Cristo, ne lo Spirito Santo, ne tanto meno la Madre del Verbo. Se lei Rosica vuole adattarsi a queste mutazioni della parola Santa faccia pure, affari suoi, chi se ne frega, peggio per lei, uno in meno in paradiso, lascerà il posto a chi ne è più degno !!!


Fortunatamente – continua – con Papa Francesco è avvenuto questo cambiamento di prospettiva. Fino a poco tempo fa (prima di Francesco), “quando domandavi per strada ‘Cos’è la Chiesa Cattolica?’ oppure ‘A cosa serve il papa?’, la risposta spesso era ‘I cattolici sono contro l’aborto, il matrimonio gay e il controllo delle nascite’. I cattolici sono conosciuti per gli scandali degli abusi sessuali, che hanno indebolito la loro autorità morale e credibilità”. Ora, grazie a Francesco, la risposta a queste domande da parte della gente “di fuori” è diversa.


Ecco un altra cosa dove va a parare il Mons Rosica, una volta prima di Francesco infatti nessuno si sognava di dire che la chiesa era piena di Gay, anche se magari si sapeva, però almeno si tentava di tener il marcio coperto. Mai nessuno disse che la Chiesa era vedova e sposa infedele, mentre Francesco lo ha apertamente esternato, permettendo di fatto ai Gay di essere partecipi nella chiesa anche se attualmente in questi giorni, ha esternato il suo desiderio, di combattere i pedofili, mi chiedo come farà visto che ha accettato la lobby gay, all’interno del Vaticano, sappiamo bene che i Gay hanno tendenze pedofile, per cui se non ha sbattuto fuori all’inizio i Gay dicendo “chi sono io per giudicare” e quindi giustificandoli, chi è lui per giudicare i gay pedofili? Cosa cambia assolutamente nulla!
Sempre pedofili gay sono. Mi chiedo, come farà, se farà! Io sono ottimista e spero sinceramente di veder veramente Francesco I° sbattere fuori dalla chiesa, non solo spostare di posto, o detronizzare quei soggetti che si sono macchiati di pedofilia, perché tutti noi siamo bravi nelle parlare, ma i fatti spesso sono ben lontani dalla realtà. Come fu per la Lobby gay che tutta al suo posto!
Io la chiamo la solita pubblicità.


L’invettiva di mons. Rosica contro i blog cattolici “violenti” non rende però onore alla realtà dei fatti. Basterebbe infatti seguire ciò che succede ogni giorno su Facebook e su Twitter a chi condivide posizioni cattoliche in difesa della Chiesa e della tradizione cristiana. Certi utenti e blog cattolici popolari ricevono in continuazione piogge di insulti e di infamie personali a causa del loro pensiero e della loro fede senza che nessuno – tanto meno i responsabili dei networks in questione, spesso zelanti nella censura di ciò che è considerato “scorretto” – trovi da eccepire sospendendo o censurando i messaggi più violenti e offensivi.


Premetto che il mio parlare non è affatto violento anzi, è sempre di buon senso, non solo per la chiesa cattolica, in difesa dei cristiani veramente credenti, ma anche per tutti gli altri, io non parlo pe far del male, parlo per correggere per riportare a cristo i fedeli smarriti, questa è la mia funzione fondamentali a me non interessa ferire un cristiano, ma nella maniera più assoluta certo se c’è bisogno di esser incisivi lo si è, si dice si parla sempre molto educatamente rispettando le intenzioni di tutti, ma io non ho mai creato disagio infatti nessuno si azzarda a dirmi nulla, perché le mie parole sono parole dettate spesso dallo Spirito santo, che poi mi si voglia credere o no, a me non in interessa. Non cerco l’applauso, non certo la lode, non cerco la gloria, per cui, come invece la cerca Mons Rosica e tutti gli altri in Vaticano, che tanto dicono di essere umili.
Sono l’unico che non insulto mai nessuno, nessuno che mi conosce può dir di me che io insulto qualsiasi, ho un grande rispetto di tutti e di tutte le religioni, pur non essendo credente di altre, ma ogni persona deve essere libera di pensare credere in quello che vuole, io non posso imporre la mia volontà, non posso e sarei assai stupido se facessi ciò, è il modo migliore per trovar nemici.
Anzi a dir il vero sono io che vengo insultato, minacciato anche di morte, spesso e volentieri.
Ma so che ho la ponte Madre di Dio su di me, che mi protegge e non mi accadrà nulla di male.
Cosa dovrei temere, la morte? Prima o poi arriverà! E’ una cosa normale, io sono sempre pronto.


Il caso più eclatante in Italia è quello di Mario Adinolfi, giornalista, blogger e politico cattolico, che (nell’imbarazzante silenzio delle autorità e dei campioni dei diritti civili) viene continuamente vessato da cosiddetti haters (lett. “odiatori”) che – spesso sotto pseudonimi o falsi account – vomitano in continuazione il loro disprezzo nei confronti di chi la pensa diversamente. Ma chi non legge certi messaggi difficilmente capirà di cosa stiamo parlando. Facciamo quindi riferimento a un qualunque messaggio di Mario Adinolfi: ad esempio quello scritto su Twitter il 18 maggio 2016 dove invita a seguire il dibattito televisivo in cui sarà protagonista. Il tono delle risposte sfonda il muro della decenza per convertirsi in una serie insulti volgari e attacchi alla persona. Si va dal “panzone” a “te danno una sedia per chiappa”, poi ancora “ti guardo dal cesso”, “cerca di non scoreggiare”, “vai a parlare di problemi di sudorazione” per finire con immagini GIF (mini filmati) di nudo offensivo. Definito in da un altro utente “sindaco maiale”, Adinolfi è spesso oggetto di burla per il suo aspetto fisico e preso di mira con disprezzo a causa della sua situazione familiare. Al fianco di Adinolfi, sono molti i cattolici che si sono esposti sui social ricevendo in cambio insulti, disprezzo, violenza verbale e accuse diffamanti (ad esempio Costanza Miriano, Gianfranco Amato ed altri protagonisti delle giornate del Family Day).


Purtroppo e se devo dir la verità non seguo mai quello che scrive questo Mario Adinolfi, personalmente non so nemmeno chi sia, ne ho sentito parlare, ma non posso curare di tutti.
Per cui non posso rispondere in merito.



In questo senso non è esattamente vero ciò che afferma mons Rosica dal pulpito di Brooklin, ossia: non è il cattolico conservatore e pro-life che fomenta l’odio e la violenza, una “cultura di morte” e “sparge cadaveri”, perché nostalgico, fissato e dunque bisognoso di cure e preghiere da parte della comunità cristiana. Succede proprio il contrario: la caccia al cattolico inizia senza alcuna motivazione se non l’odio al diverso, la tanto chiacchierata “discriminazione” tramutata in cristiano fobia.


Io ho un approccio diverso verso il diverso, non lo caccio perché dovrei?Dopo tutto è sempre figlio di Dio, per cui cerco invece di farlo tornare alla sua origine di figlio di Dio, cercando di far capire a costui cosa sia più grande se essere sessualmente provocanti diciamo così o essere sessualmente normali, e cercare di combattere le proprie pulsioni, anomalie, eccessive e stravaganti. Ovviamente più che tentare non faccio, se la persona non recepisce le metto nella mani di Dio e lascio che sia Lui a far il suo corso. Oggettivamente altro non si può fare. Nessuno in questo modo gli fa del male, lo rispetta me senza costringerlo a nulla se non vuole. Dopo tutto l’eternità non è per tutti, ma per chi la desidera veramente.


Ma se l’esempio di Adinolfi non vale in Vaticano – dove il giornalista non gode di grande stima (anzi, è ignorato e spesso ostacolato) – basti leggere il veleno che qualche settimana fa è stato riversato sul cardinale Angelo Bagnasco reo di aver parlato chiaramente contro l’approvazione della legge sulle Unioni Civili. Gli italiani (non certo i cattolici conservatori e prolife) hanno preso di mira il Presidente della CEI con insulti e infamie per aver osato esprimere il pensiero della Chiesa cattolica sulle “unioni civili”. Un segno, questo, che il cardinale è sulla strada giusta, mentre altri porporati vengono continuamente lodati e stimati dal popolo anticattolico (come qualche cardinale di curia che su Twitter alterna frasi di Confucio a detti di Gesù e pensieri rock ottenendo molti “like”).

In questo il Cardinal Bagnasco ha fatto bene a porsi contro le unioni civili, però oggettivamente non può far nulla, perché lo stato è fuori dall’ambito della chiesa e le chi si vuole unire civilmente pur essendo gay, lo può fare. Comunque

Perché dunque mons. Rosica propone queste sorprendenti affermazioni? Alla base del ragionamento soggiace un pericolosissimo equivoco secondo cui non è più necessario difendere la fede ed opporsi all’eresia (“dottrina contraria al dogma”)  ma bisogna cercare di diffondere il bene senza denunciare il male, il tutto in nome di una misericordia che ha il sapore del politicamente e religiosamente corretto. Si tratta dunque di un esercizio linguistico per evitare ogni scontro: parlare di  aborto e di eutanasia, così come di altri gravi attentati alla vita umana, diventa una violenza contro chi nella sua libertà decide di sopprimere le vite di bambini e anziani. Nessuno osi giudicare la portata morale di questi atti.
Ahhh siamo proprio messi bene, se questa è l’idea che gli ha messo intesta Bergoglio, ecco che si capisce tutto dove egli vuole arrivare, perché certamente questo Rosica non può averla pensata da se, se non viene anche da un pensiero comune all’interno della chiesa. Fatemi capire non si dice più che le cose sono bene ne male non si fa distinzione tra l’una e l’altra così si convive meglio, senza parlar più ne di bene ne di male, ma in questo modo si distrugge di fatto tutta la parola di Cristo, che è basata fondamentalmente sulla differenziazione tra bene e male, se non combattiamo il male che cavolo di Cristiani siamo? Non siamo solo, non solo Tradizionalisti, ma non siamo nemmeno modernisti, proprio non siamo cristiani in nessuno modo se questo è il concetto che si vuol portare avanti. Ma forse è proprio così, ecco perché si distruggono certi ordini religiosi, per appiattire tutto, per rendere tutto uniforme, uguale, livellare le coscienze, dire proprio un idea tipicamente comunista, ecco allora ci ricolleghiamo ancora una volta alle parola di Bergoglio, che ha detto che ha trovano nella chiesa di oggi, il suo idea socialcomunista. E’ si direi proprio che queste idea sono esattamente comuniste.


E’ questa la svolta voluta da Papa Francesco che ha espressamente chiesto posizioni meno rigide su quelli che una volta si chiamavano “principi non-negoziabili” (espressione diventata desueta perché ormai tutto è negoziabile, anche i valori e i principi morali) al fine di “costruire ponti e non muri” tra la Chiesa e il mondo.
Ecco qua detto fatto, appena espresso...non si può secondo la nuova dottrina del nuovo magistero della chiesa di Francesco parlar più di cose antiche, desuete, non si deve assolutamente creare più muri, si deve per legge di Francesco, creare ponti, tra le religioni, e questo significa distruggere la fede Cristiana questo significa ne più e ne meno perché per creare i ponti desiderati da Francesco bisogna necessariamente distruggere il vecchio, per dar corpo al nuovo, in pratica è il concetto della fenice che rinasce dalla sua ceneri, solo che in questo caso, questa fenice è nuda e mostra le sue miserie, come dire la grande prostituta si sta liberando dalla catene, che sono stato poste per tutelare gli uomini dalla sua sfrenata lussuria.

A questo nuovo corso si sono adeguati quasi tutti i cardinali, i vescovi e i monsignori di Curia (in particolare quelli italiani più vicini geograficamente al Papa) coscienti anche del rischio che si corre ad esprimere le proprie idee se in contrasto con il novus ordo dialogante. Chi non si è adeguato al nuovo linguaggio viene segnalato come un nostalgico “conservatore” e “fariseo” fuori tempo massimo, ai limiti dell’ortodossia.

Ammazza, fatemi capire, scusate si diventa oggi farisei, se sei fuori dal contesto maligno in cui siamo caduti? Ho capito bene!!!, adesso il fariseo non è più il maligno è il benigno?, cioè colui che ha in se Dio?…..mi verrebbe da dire che la chiesa è caduta in mano di satana in toto….perché questo è il chiaro, chiarissimo concetto satanico, altro non si può dire.
Quindi la quasi totalità del clero oggi è satanico, ma bene!!!!!



La prova di ciò è nelle continue dichiarazioni di affetto e vicinanza che la Chiesa, nei suoi più alti rappresentanti, (Bergoglio in primis) continuamente proferisce nei confronti dell’islam (sempre giustificato e scusato nonostante sia la vera matrice religiosa del terrorismo) e del mondo politico nonostante i frontali attacchi contro la morale e la famiglia: ciò spiegherebbe lo sconcertante elogio funebre che padre Lombardi ha dedicato a Pannella a nome del Papa o l’entusiasmo col quale alcuni esponenti della CEI appoggiano e sostengono l’operato del governo Renzi (leggi:quando mons. Paglia disse a Renzi “Avanti su tutto”)…

(perfettamente d’accordo con quanto descrive l’autore dell’articolo)


Portato all’estremo, questo pericoloso atteggiamento constringe la Chiesa a tirare i remi in barca ed a rinunciare a combattere per la battaglia per la famiglia e per la vita (temi su cui si giocherebbe la “battaglia finale” secondo la profezia della Madonna a Fatima). Così è successo in occasione del Family Day quando la maggior parte dei vescovi si opposero de facto – con la loro assenza –  alla manifestazione perché schierato “contro” il gender e le adozioni omosessuali. La cosa creò turbamento e scandalo tra i fedeli laici scesi in piazza sotto il temporale, segnalati dal governo e segnalati come una massa ignorante, bigotta, violenta ed omofoba (leggi: “Attacco totale al Family Day). L’imbarazzante assenza dei vescovi italiani in nome di un atteggiamento moderato – light – e dialogante (a Roma otto vescovi diocesani ma neanche uno presente ad accompagnare le famiglie, né il Vicario né gli “ausiliari” mentre il presidente del Pontificio Consiglio per la Famiglia, più in linea con Renzi che con le famiglie cristiane, non pervenuto!) è un segno dei tempi che interroga molti cattolici italiani. Stesso discorso per la “Marcia per la Vita” un evento nazionale goffamente boicottato dai vescovi italiani, salutati dal Papa – secondo alcuni – in modo eccessivamente sbrigativo e circostanziale e appena citati da Avvenire in un articolo di secondo piano.

Parlando della violenza su internet non si tratta dunque di stabilire chi insulta di più o per prima dell’avversario, ma di capire se sia ancora possibile difendere la propria fede o se sia meglio nascondere la verità e il proprio credo per non offendere nessuno, per non apparire “contro” nessuno.
E’ no, se io sono fedelmente di Cristo combatterò fino alla morte, è così che ci saranno i martiri è così che ci saranno i risorti, chi non combatterà per la verità di Cristo sarà dannato e ve lo dice uno che ha visto l’inferno, non lo auguro a nessuno dei vivi….per offendere chiunque si deve essere offensivi con insulti ed improperi, ma se io non insulto perché dovrebbero bloccare il mio blog, che senso avrebbe, semmai il mio blog potrebbe essere bloccato, chiuso, perché dico la verità, perché la verità che io annuncio è realmente quella di Cristo, per cui la verità da fastidio ed è come un monito, un rimprovero, una condanna delle proprie cattive parole, azioni, solo per questo potranno chiudere il mio blog, solo se Francesco lo vorrà, ma io so già che avverrà. Per questo dico a tutti scaricatevi le mie pagine il miei blog per lo meno avrete da leggere prima che tutto sia distrutto.


La locuzione “contro” è ormai diventata una parolaccia, linguaggio proibito nel nuovo corso della Chiesa. Nessuno si opponga a nessuno né a nulla, neanche al male. Non però nel senso evangelico di “non opporre resistenza al male” ovvero “non rispondere al male con il male” bensì nel nuovo senso di “non denunciare il male come male” ovvero “non distinguere più tra male e bene” perché nessuno deve permettersi di “giudicare” ciò che è bene e ciò che è male. Dal punto di vista filosofico ciò significa lo sfascio della struttura del pensiero razionale occidentale basato sulla scelta per logos e il rifiuto della doxa. Ma oggi assistiamo alla rivincita dell’opinione, sempre fluida, sempre liquida, alla riscossa di ciò che è mutevole a dispetto di ciò che è fermo, stabile, severamente ma solennemente inamovibile.

Terrificante, spaventoso, satanico, non posso dire altro, perché altro non si può dire!!!


Mons. Rosica non fa altro che adeguarsi al nuovo corso (d’altronde non sarebbe certo prudente rovinare una così brillante carriera sul più bello!): i cattolici che parlano di aborto, di eutanasia, di divorzio e di sessualità disordinata non sono altro che violenti costruttori di muri, lontani dalla grazia di Dio, necessitati di preghiere e conversione. D’altronde ciò rispecchia il pensiero della Santa Sede che i suoi portavoce fedelmente trasmettono.


Di quale Dio? Certamente non di Cristo, quindi il loro Dio, non è Cristo chi distrugge i muri di Cristo, non è di Cristo, ma di Satana. Quindi chi è questo loro Dio? È facilmente comprensibile.
O forse padre Lombardi non ha elogiato Marco Pannella per il suo “impegno disinteressato per cause nobili” e per averci lasciato “una eredità umana e spirituale importante” e un “impegno civile e politico generoso per gli altri”? Ricordare le “nobilissime” cause a favore dell’aborto, dell’eutanasia, del divorzio, della liberalizzazione delle droghe, l’anticlericalismo, l’antivaticanismo e l’opposizione ai patti lateranensi, sarebbe peccare di omicidio e violenza nei confronti del compianto leader dei radicali e dei suoi seguaci.
Infatti si vede che eredità ha lasciato Pannella, poveretto, pace all’anima sua, sperando che sia in pace, una scia di morte, di aborti e corresponsabile di tanti ed infauste disgrazie. le “nobilissime” cause… O Signore di prego viene presto, vieni presto a spazzar via questo marcio questa chiesa che si è corrotta fin nelle ossa, Madre santissima lascia andare il Braccio del tuo Figliolo, perché questa chiesa porterà alla dannazione molti milioni di uomini. Lascia andare gli eventi della natura che facciano il corso che devono, sperando che l’uomo comprenda e con la paura si converta e torni a te chiedendo misericordia quella vera e quella santa.
In definitiva siamo giunti alla conclusione che se i cattolici tradizionalisti sono violenti ed assassini, anche il loro Dio, deve essere uguale, se no altrimenti da chi prendono questa presunta violenza nel voler difendere il loro Dio, la loro fede e la loro appartenenza di essere fedelmente di Cristo!!!
Per fortuna che io sono cristiano di Cristo, una delle tante pecore, che però combatte come una tigre e sono tanto contento di essere chiamato assassino perché sono assassino di Satana!!! ahahah.
Sono sicuro che in giro per il mondo di assassini di Satana ce ne sono tanti e dico a tutti tenete duro e non fatevi fuorviare e non abbiate paura perché il peggio deve ancora venire.
Queste sono paranoie, di coloro che spasimano, e sanno di non aver posto tra i cieli di Dio e cercano di trascinarvi anche voi nelle spire del maligno.
Abbiate coraggio perché Cristo premia i coraggiosi...siete voi assassini di satana?

Evviva Cristo Re , Evviva l'Immacolata Vergine Madre del Verbo!!! 
Evviva la vera e Santa Chiesa di Cristo, che purtroppo è in agonia.

Io comunque prego per Bergoglio che La Madre Immacolata del verbo lo riconverta alla vera fede in Suo Figlio Gesù!